top of page

Crisi d’Identità nel romanzo di McCarthy “All the Pretty Horses”



La concezione americana dell’Occidente è un ideale romantico nato da una realtà profondamente non romantica. Il ruolo autoproclamato degli studiosi e della cultura contemporanei è stato quello di superare la visione popolare dell'espansione e dell'insediamento dell'America verso ovest: una visione modellata e colorata da centinaia di film western e dalle loro rappresentazioni di morte senza sangue e di eroici cowboy solitari che sconfiggono in definitiva cattivi codardi, nel tentativo di recuperare la vera storia del West americano, di rimuovere la patina romantica ed eroica da un passato di violenza e pregiudizio, di sogni infranti tanto quanto speranze realizzate.
Il romanzo di Cormac McCarthy All the Pretty Horses si occupa del punto d'incontro tra realismo e romanticismo.
All the Pretty Horses è ambientato tra il 1949 e il 1950. L'apertura del romanzo mostra John Grady Cole, un texano di sedici anni che desidera ardentemente essere un cowboy, al funerale di suo nonno. La forza economica trainante in Texas, diventa chiaro a John Grady, è il petrolio piuttosto che il bestiame: dopo il funerale, la madre di John Grady venderà il ranch di proprietà del nonno e nel quale John Grady è cresciuto. Si tratta di un ranch costruito dal bisnonno di John Grady negli anni formativi della cultura cowboy, gli anni immediatamente successivi alla Guerra Civile, e la sua scomparsa dalla famiglia è il simbolo della scomparsa del vecchio West, l'Ovest dei cowboy. Ma John Grady Cole conserva una visione romantica della vita da cowboy, e cerca disperatamente di vivere la sua vita secondo il codice che ha ereditato e inventato, definito dalla critica Jane Tompkins come costituito da "autodisciplina; scopo incrollabile; esercizio di conoscenza, abilità, ingegno e giudizio eccellente; e la capacità di continuare nonostante l'esaurimento totale e le probabilità schiaccianti." Per vivere la sua vita secondo questo codice, John Grady Cole deve lasciare gli Stati Uniti per il Messico, per recarsi in un luogo dove la civiltà americana non è ancora arrivata. Alla ricerca di qualcosa che è andato perduto nell'America - anzi, uno stile di vita romantico che potrebbe non essere mai esistito - si reca in un luogo che, a livello metafisico, è più occidentale che occidentale.
All the Pretty Horses è la storia di questo codice d'onore da cowboy, il fondamento dello stile di vita occidentale, messo alla prova. È la storia della maturazione nel sangue di John Grady Cole, di come il suo idealismo romantico venga messo alla prova in un luogo dove la sopravvivenza non concede nulla al decoro e alla nobiltà. All the Pretty Horses cerca di descrivere, più e più volte, il costo umano e psicologico della vita secondo sogni e ideali romantici: è la ricerca della romantica vita da cowboy che conduce John Grady e i suoi compagni in Messico; è la ricerca romantica dell'amore proibito che termina con la straziante prigionia di John Grady.

Ciò che è notevole in tutto questo è che John Grady Cole sopravvive, e anche il suo idealismo sopravvive. In Messico non trova altro che tragedia, ma mantiene fede alla sua religione di stoicismo, abilità e competenza. Se quello di McCarthy è un mondo deromanticizzato, popolato da uomini e donne cinici e selvaggi, guidati soprattutto dal bisogno di sopravvivere, John Grady Cole rimane un eroe, anche se rimpicciolito e sensibile, forse il fantasma di un eroe, un eroe vittima dell'anacronismo. La cosa più commovente e tragica tra i tratti eroici di John Grady è il suo rifiuto di inchinarsi al destino, la sua insistenza sulla responsabilità personale. John Grady è un cowboy che nega il destino, per quanto manifesto: All the Pretty Horses descrive in dettaglio la lotta del suo eroe contro le forze della storia e il cambiamento dell'economia, contro le barriere sociali e le probabilità schiaccianti. Ad un certo livello, John Grady Cole fallisce tragicamente. Ad un altro livello, il successo o il fallimento devono essere misurati in termini di coerenza con il suo codice interno. In All the Pretty Horses, la leggendaria mentalità occidentale è stata interiorizzata: è qualcosa forse assente dal mondo esterno ma che esiste nella mente degli eroi. In effetti, è giusto dire che All the Pretty Horses parla dell'interiorizzazione di un mito che è sempre stato scritto in termini crudamente fisici, più grandi della vita. I suoi paesaggi, i tramonti, i cavalli e le montagne, così iconici dell'Occidente, sono simboli e riflessi; attraverso di loro il romanzo si occupa dell'animo umano.

La questione dell'identità è una delle principali questioni che incontra l'uomo in ogni cultura. L’identità è un insieme di comportamenti, emozioni e modelli di pensiero unici per ogni individuo che lo definiscono come membro di un determinato gruppo. L'identità è modellata dalla razza, dall'etnia, dalle credenze religiose, dalla lingua, dalle caratteristiche fisiche, dalle esperienze infantili, dalla sessualità preferenze e cultura. Inoltre, l'identità viene solitamente riconosciuta durante l'adolescenza o la prima età adulta in cui entrambe le caratteristiche positive e negative sono essenziali nello sviluppo dell’identità individuale. Tuttavia, una crisi di identità è la incapacità di stabilire un’identità durante quell’età. Inoltre, una crisi di identità non riguarda solo questioni come etnia o religione poiché riguarda anche conflitti interiori, ricerca di identità, ovest contro est, vecchi vs. moderno. La diversità di identità nella cultura americana è espressa in molte opere letterarie di scrittori americani contemporanei che raffigurano la ricerca dei personaggi della propria identità psicologica e culturale. Tra questi scrittori contemporanei c'è Cormac
McCarthy (1933-) il All the Pretty Horses (1992) affronta questa ricerca di identità come tema di base, sia psicologicamente e culturalmente. Questo articolo è un tentativo di indagare entrambe le dimensioni della ricerca in questo romanzo essendo uno dei capolavori di McCarthy.
Al romanzo è stato attribuito il merito di presentare un nuovo protagonista cowboy in conflitto e rovina mentre cavalca attraverso il paesaggio. Sebbene abbia 16 anni, John Grady Cole riflette la situazione culturale dell'Occidente, il romanzo descrive la modernizzazione della frontiera. Il protagonista è John Grady Cole consapevole che qualcosa sta succedendo al Paese.
La storia inizia il 13 settembre 1949, con la sepoltura del nonno materno di John Grady a San Angelo, Texas, la scomparsa di quest'ultimo segna la perdita del ranch di famiglia. Con la morte del nonno, la madre di John Grady la vende per una compagnia petrolifera. Quindi, viaggia a cavallo in Messico realizza la sua ambizione pastorale di domatore di cavalli selvaggi, e trova e perde anche una sorta di amore appassionato.
Il romanzo affronta anche la scomparsa della cultura del cowboy nella rinascita di un americano progressivamente urbanizzato
Il protagonista spera di mantenere lo stile di vita da cowboy. Tuttavia, ciò che John Grady capisce è che c'è anche un mondo che cambia.
Si può evidenziare la crisi d'identità di John Grady poiché non riesce a creare un'identità stabile. Attorno a lui sembra ruotare questo stato confusionale dell'identità del cowboy. McCarthy mostra come gli individui costruiscono un'identità che consiste di "impegni ed esplorazioni" che stabiliscono le credenze essenziali che consentono agli individui di individuare la loro situazione nel mondo. Gli individui danno forma alla loro identità primaria che si manifesta nel loro senso di sé, ma man mano che gli adolescenti acquisiscono nuove informazioni, le loro prospettive aumentano fino a contenerne una comprensione delle crisi passate.
Già dal primo paragrafo viene fuori una crisi nel personaggio, nell’entrare nella casa dov’è esposto il corpo del nonno. Viene riflesso nel vetro del ritratto dei suoi antenati e già qui si comprende il dualismo tra passato e presente, nonché ne futuro che ci sembra già incerto in questa vivida immagine.
La morte del nonno ci mette poi di fronte a una tragica verità, la fine del nome Grady, come conseguenza della crudeltà nel vecchio West. La cultura dei cowboy sta scemando e grady deve entrare in contatto con altre culture, per cui da qui nasce la sua crisi d’identità.
La morte del nonno di John Grady e la perdita del ranch di famiglia fungono da catalizzatore per la transizione della sua identità che si basa sulle influenze familiari, per una nuova autoidentificazione.
Il passaggio del treno attraverso il paesaggio da est a ovest segna la fine degli spazi aperti per i cowboy. è passato un secolo da quando i cowboy vagavano senza recinti, o i treni nelle pianure. John Grady è influenzato da quella cultura e il suo vasto spazio in cui vagare. In quella cultura patriarcale dei cowboy, sua madre divorziata è l'erede di una lunga stirpe di allevatori, ma preferisce una vita più civile a San Antonio piuttosto che la vita in un ranch alla frontiera.
La crisi d'identità di John Grady si concretizza anche nell'arrivo della tecnologia, nelle tribù indiane scomparse, nella morte e la linea terminale degli antenati di frontiera, la cultura perduta del Vecchio West, nella vendita del ranch di famiglia e della sua consapevolezza della malattia e della disperazione del padre.
Mentre cavalca il suo cavallo sulla vecchia strada degli indiani Comanche, John Grady sente le anime delle culture dei nativi indiani che in precedenza percorrevano questa strada e ora il suo stile di vita da cowboy sta morendo proprio come la cultura dei nativi. Sono questi continui confronti tra le culture scomparse e quelle in via di estinzione a cui McCarthy tiene, descrive quelle culture sul confine mentre si avviavano verso l’estinzione.
Sebbene McCarthy si riferisca esplicitamente ai Comanche, le loro vite fuggenti e violente potrebbero essere paragonate a quelle di qualsiasi razza, anche se si trattava di un angloamericano come John Grady.
Il protagonista vorrebbe avere una sua identità stabile, ma la perdita del ranch ha profondamente cambiato il suo essere. Il viaggio in Messico inizia, tuttavia, come se John Grady e Rawlins entrassero improvvisamente in un mondo trasformato. McCarthy suggerisce la promessa di una nuova vita a partire dalla partenza dei ragazzi dal Messico.
A un certo punto si apre la possibilità di avanzamento nel suo lavoro, progettava di creare un'identità lontano dalla sua terra madre.
John Grady si trova di fronte a questo incrocio. Coglie l'occasione proposta da Don Hector lavorerà permanentemente con gli stalloni, un'opzione per continuare ad affermare la sua identità di cowboy. Lui sembra essere felice del proprio viaggio come tentativo di costruire l'identità e le connessioni da cui è partito. John comincia a sentirsi più stabile, comincia una relazione amorosa con la figlia di John Alejandra.
Da adesso in poi succede davvero di tutto, finiscono addirittura in carcere, ma alla fine John Grady non riesce a costruire un'identità stabile a causa dell'incapacità di confermare un senso di sé. McCarthy lo dimostra dicendo che le esperienze non solo hanno la capacità di rovinare la visione predeterminata di sé e del mondo, ma certamente aiutare a costruire un'identità in risposta a questi momenti di crisi. La trasformazione principale in John Grady è la personalità che risulta dalle sue esperienze di violenza e perdita personale che correggono il suo modo di vedere il mondo. Da adolescente che sviluppa il suo senso di sé nella comunità di allevatori che crolla, la sua storia trasmette il significato della crisi d'identità nel modello di sviluppo di McCarthy.
Anche dopo essere diventato consapevole della crisi della perdita e dei suoi effetti su di lui, John Grady non mantenne una visione completa dell’identità per se stesso. Tutto ciò non altera la sua identità immatura e il suo status diffuso. La sua storia ritrae le crisi personali, come il fondamento su cui si dà un senso alle esperienze di vita e la risposta a queste crisi determina l'identità.
Rappresenta l'autorealizzazione nella cultura cowboy in cui l'eccellenza, l'isolamento e l'indipendenza sono le basi.
L'ossessione di John Grady di recuperare tutto e ritornare verso ciò che è andato perduto, può essere visto come il riflesso di questo senso di crisi psicologica e culturale dentro di sé.

bottom of page